La Città

OSPEDALETTI è adagiata in un anfiteatro naturale, tra Caponero e Capo Sant’Ampelio, a soli sei chilometri dal centro di Sanremo. Ricca e vigorosa la vegetazione sub-tropicale, coniugata ad una urbanizzazione moderata e signorile, fanno di Ospedaletti un centro residenziale turisticamente attivo incastonato nella Riviera dei Fiori.

Ricostruendo la storia del paese dobbiamo salire sino agli inizi del XIV secolo, quando un nobile provenzale, Fulcone di Villaret, Gran Maestro dell’Ordine Gerosolimitano di San Giovanni, viene travolto assieme alla sua ciurma da una tremenda tempesta nel golfo della LIguria di ponente. Nonostante la sciagura il capitano unitamente al suo equipaggio riescono a portarsi in salvo, nuotando a pieni polmoni sino all’approdo diretto sulla spiaggia del Giunchetto. Riconoscendo il merito della salvezza a San Giovanni, decidono così di erigere una cappella in suo onore. Oltre alla chiesa, i crociati costruiscono un ospizio per fornire assistenza ai pellegrini che si recavano in Terra Santa. Da questo ospizio discenderebbe il nome di Ospedaletti che significa, appunto, luogo ospitale.

Nel 1881 la Società Fondiaria Lionese promosse la costruzione di grandi alberghi e della principale rete stradale e da quel momento il paese si trasformò da semplice borgo di pescatori in un centro turistico.

Nella villa Sultana venne ospitato il primo casinò d’Italia, inaugurato nel 1883 e poi chiuso, per regio decreto, nel 1925.

Durante il boom economico fu anche meta dei dipendenti di livello medio-alto della Fiat; in posizione dominante e lungo la via Aurelia fu costruita la colonia della casa automobilistica, in cui i dipendenti privilegiati andavano a trascorrere le ferie.